Contact

Subscribe to newsletter

Follow me

Fill the contact form

Name is required
A valid email address is required
Message is required
Select answer
Answer is required
  • Wrong captcha
    ×

    Feedback

    Tell your experience

    This field cannot be blank
    An email address or a phone number is required
    Did you miss something?

    Wrong captcha
    ×

    I go in and out of the time of this day’s tale.
    This time is personal, it mimics my own pace, and it is disconnected from the line that marks the logical sequence of events and its connected actions. I look around, I try to seize the moment and the tale from the eyes around me. Everyone interprets the day in his own way. For some, time started far off. This tale preserves the traces of what was before. Today is merely an interlude of lightness in a journey that reaches many places.
    Entro ed esco dal tempo della storia.
    E’ un tempo personale, mimetico al mio ritmo, scollegato dalla linea che segna il logico susseguirsi degli eventi, delle azioni concatenate. Mi guardo intorno, tento di cogliere il tempo e la storia negli occhi vicini a me. Ognuno li interpreta a suo modo. Per qualcuno il tempo è iniziato lontano, e la storia conserva le tracce del prima: oggi non è che una parentesi di leggerezza in un viaggio che tocca molti luoghi.
    For others, this tale begins when the curtains open, and lasts just long enough for a toast and the bouquet of roses. Each guest is a protagonist in his own way. There are those who look around, amused and aloof in their eyes, but who have already consigned their hearts to the future, because the tale, the real one, is yet to begin. The gaze touches on the moments, messes the fragments and then rearranges them. In the meantime, it draws both the lines of the tale and those of time. Makeup is not all that is needed, and neither are the clothes: those who enter this tale bring their whole selves with them. Intimacy and memory, hopes and smiles. Impossible to pretend, even just for an hour.
    Per altri la storia ha inizio nel momento in cui si apre il sipario, e dura giusto il tempo del brindisi e del bouquet di peonie: ognuno con il suo modo di essere protagonista. E c’è chi si guarda intorno con uno sguardo divertito e un po’ distaccato, ma ha già consegnato il cuore al domani perché la storia, quella vera, deve ancora iniziare... Lo sguardo sfiora i momenti, scompiglia i frammenti e subito li ricuce, disegnando il tempo della storia e il tempo... i tempi... che le stanno intorno. Non basta il trucco, non bastano i vestiti della festa: chi entra nella storia lo fa indossando tutto se stesso. Intimità e memoria, speranze e sorriso. Impossibile lasciarsi indietro, anche solo per un’ora.
    The gaze knows it all and does not content itself with simply telling what is happening today; it does not respect the limits, nor does it surrender at the borders. It insists on both going back and running ahead quickly. It seeks the clues of the past, of those steps that have led to this day: familiar signs, as well as that past me that has brought me here and now, the one that has made me what I am. An old photograph, a piece of embroidery, a distant resemblance, the ties, the alliances and the latent hostility... I can stop and listen... It is a voice that shakes but does not hurt... I can remember, if I want to, everything that has made me what I am. Today, the judgment is suspended.
    Lo sguardo lo sa e non si accontenta di raccontare ciò che succede oggi, non rispetta i limiti, non si arrende ai confini. Si ostina a tornare indietro, a correre avanti veloce.
    Cerca indizi del passato, dei passi che mi hanno portato fino a questo giorno, dei segni familiari, dell’identità che mi fa essere, qui e ora, ciò che sono.
    Una vecchia fotografia, un ricamo, una lontana somiglianza, legami e alleanze, ostilità latenti... Posso fermarmi, ascoltare... è una voce che scuote, ma non fa male...
    Posso ricordare, se voglio, tutto quello che mi fa me stesso. Oggi il giudizio è sospeso.
    The gaze that tells about me is open-minded, it does not choose for me, nor does it give definitive answers. In this gaze, all roads are open, nothing is ruled out, and no roles have been assigned yet. It commands time and preserves freedom. It collects the waiting, the smell of the sea, the unspoken words, and the music inside. It offers me everything as it is, without censorship. I lose my balance but I do not fear falling, for all is redeemed by the inner beauty that shines through.

    “Time is a child playing”
    Eraclito
    Lo sguardo che mi racconta è aperto, non sceglie per me, non dà risposte definitive. In lui tutte le possibilità sopravvivono, tutte le strade restano aperte, tutti i ruoli da assegnare.
    E’ lui che comanda il tempo, conserva la libertà: raccoglie l’attesa, l’odore del mare, le parole non dette, la musica dentro… e mi offre tutto, senza censure.
    Mi sbilancio senza paura di cadere, con la leggerezza che la bellezza mi regala.

    "Il tempo è un fanciullo che gioca"
    Eraclito
    Some more info about Giuseppe:
    2017 Selected by Rangefinder magazine in the “30 Rising Stars of Wedding Photography 2017”
    2016 Published on some of the most prestigious online wedding magazines: The Lane, Junebug Wedding, Magnolia Rouge, Rock My Wedding.
    2015 Published on Huffigton Post Italia, Huffington Post US, La Repubblica.it, Huffington Post Canada, Huffington Post Tunisia.
    2013 Top 10 wedding photographers for ANFM.
    2013 "Finché Morte non ci Separi" finalist at the "Kolga Photo 2013" in Tblisi (Georgia)
    2013 Honorable mention at the Ragusa Foto Festival with the project "Finché Morte non ci Separi".
    2011 Spazio Labò scholarship winner for a workshop in New York.
    Alcune informazioni su Giuseppe:
    2017 Nominato da Rangefinder Magazine tra le “30 Rising Stars of Wedding Photography 2017”
    2016 Pubblicato in alcuni dei più prestigiosi magazine online del settore: The Lane, Junebug Wedding, Magnolia Rouge, Rock My Wedding.
    2015 Pubblicato su Huffigton Post Italia, Huffington Post US, La Repubblica.it, Huffington Post Canada, Huffington Post Tunisia.
    2013 Top 10 fotografi di matrimonio per l’ANFM.
    2013 "Finché Morte non ci Separi" finalista al Kolga Photo 2013 di Tblisi (Georgia).
    2013 Menzione d’onore al Ragusa Foto Festival con il progetto "Finché Morte non ci Separi".
    2011 Vincitore Borsa di Studio Spazio Labò per workshop a New York.